martedì 31 luglio 2007

PIOVONO CACTUS!

Ieri,a metà pomeriggio,si è alzato un vento fortissimo,il cielo si è annuvolato e tutti abbiamo iniziato a sperare che scendesse un po' di pioggia ... e invece ...



... e' caduto un cactus gigante dall'attico al quarto piano!!!!!!!!!!!!!
Ma vi immaginate se qualcuno passava per caso di lì?!?!?
Gli inquilini dell'attico si sono semplicemente limitati a togliere gli altri vasi dal loro lussuoso balcone,non hanno nè chiesto scusa nè tanto meno si sono proposti di pulire il macello che mi hanno fatto davanti a casa!
Non ho parole!

lunedì 30 luglio 2007

EVVIVA GLI AMICI!

Quello appena trascorso è stato un bellissimo weekend!
Giovedì pomeriggio sono arrivati da Roma Agnese,Federico e il piccolo Simone,una coppia di ragazzi con il loro bambino che avevamo conosciuto in crociera durante il viaggio di nozze.Giovedì sera sono rimasti a cena a casa nostra mentre venerdì si sono aggregati al nostro gruppo pure la Fabry e Paolo e siamo andati tutti insieme a GARDALAND!!!!!!!!!!!!!!!!
Quanto ci siamo divertiti!!!Io ho lasciato la voce sulle montagne russe e sul blutornado :-D
Sabato invece siamo andati a visitare Mantova con Luigi (mantovano) che ci faceva da cicerone!La giornata si è conclusa con una grande scorpacciata di gnocco fritto e tigelle che i nostri amici romani non avevano mai mangiato.
Domenica,dopo aver pranzato insieme,è arrivato purtroppo il momento dei saluti...ma ci siamo promessi di rivederci presto!
E già che eravamo in baldoria abbiamo chiamato a cena Elisa,Matteo e la nostra figlioccia Benedetta, che ci hanno aiutato a finire gli avanzi dei giorni scorsi e ci hanno fatto concludere il weekend in compagnia!



... ma purtroppo oggi è lunedì e sono di nuovo al lavoro a sopportare i capricci del titolare!!!

giovedì 26 luglio 2007

ODE ALLA VITA

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non rischia e non cambia il colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle i
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in sè stesso.

Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande su argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli si chiede qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

-Neruda-


Ho conosciuto questa poesia in un momento non molto facile della mia vita grazie ad una persona che forse non lo sa ma è stata molto importante per me...GRAZIE!

mercoledì 25 luglio 2007

BENVENUTI!!!!


Ebbene sì, anche io sono stata contagiata dalla "malattia" del blog!
Al momento è ancora mooooooolto spoglio e, sono sincera, non so se riuscirò ad aggiornarlo di frequente ... ma farò del mio meglio!
Adesso torno al mio lavoro ... a presto ^-^